3 WEEKS TO GO

image.jpg

Ele

 Più la data si avvicina e più mi sento in fibrillazione!!!! Un misto di eccitazione e di self-control. 

Eccitazione perché mi sto preparando a qualcosa di nuovo e mi chiedo sarò in grado di farcela? Come starò? Avrò la forza fisica e mentale di finire questa gara così lunga? E poi, chissà che sensazioni, chissà come sarà quella giornata con quasi 3000 partecipanti, chissà quanto ci metterò, perché tutto potrà accadere quel giorno, il tempo, il vento, la pioggia, il sole, avrò dormito o no? Devo bere, mangiare... E poi si stancheranno ad aspettarmi chi mi verrà a vedere quel giorno? Portate pazienza, arriverò al meglio delle mie possibilità e sarà già importante per me passare sotto quel traguardo.

Poi i pensieri scavano più in fondo dentro di me e così inizio ad immaginare come voglio che sia quel giorno; la gente a fianco a me, la sveglia, colazione, Davide che mi accompagna in macchina a Klagenfurt alla partenza, il controllo alla zona cambio della bici, le borracce, le barrette e i gel che mi serviranno in gara, ripercorrerò per l'ennesima volta l'entrata in zona cambio, dove avrò messo la borsa con il cambio bici e poi quella della corsa con le scarpette e il cappellino dentro, andrò vicino alla partenza, mi metterò la muta, cuffia e occhialini (il chip l'avrò gia messo alla caviglia a colazione), infine saluterò chi e' venuto a vedermi, sempre se sara' possibile vedersi con tutta quella gente, e poi PRONTA A PARTIRE, inizia il mio viaggio.

 Mi sento ancora più vicina alla data e al posto anche perché sono andata a Klagenfurt, ieri, a provare il percorso bici come mi hai consigliato ed e' stato davvero utile!!! 

A parte il sole e la bellissima giornata, ho potuto constatare 'sulla mia sella' la strada, le salite, le discese, curve, controcurve... E' stato un buon allenamento e pure molto divertente perché durante il giro mi hanno accompagnato mio papà e mio fratello in auto, indicandomi la strada e aspettandomi alla fine delle salite.

 Il percorso e' composto da due giri da 90km, e' molto ondulato, piccole salite e discese continue, a parte una discesa più riposante a metà circa del primo giro e degli ultimi 20km. Le salite più impegnative sono un piccolo strappo ma breve al 30' km circa e poi le due vere SALITE dopo il 60' km. Non sono lunghe... Ma sono quelle che TI TAGLIANO LE GAMBE... Soprattutto al secondo giro!!! Dopodiché ancora falso piano, salita leggera ma che non molla e poi si scende. Devo utilizzare bene i rettilinei e le discese per integrarmi, il percorso non e' di certo noioso!!!

 Domani farò l'ultimo allenamento da 180km e poi 8/9km di corsa, ho deciso di cambiare il giro che faccio di solito per renderlo più simile a quello di Klagenfurt, passando anche per le strade che mi piacciono di più dei colli. Partirò presto la mattina sempre per abituarmi a mettere in movimento il mio corpo.

Anche domani, riuscire a fare questo allenamento, per me, e' già un traguardo, e non vedo l'ora!!!

VAS

Si , manca proprio poco, quello che ti potevo dire e ridire te l’ho detto, quello che potevano provare e riprovare l’abbiamo provato, ti sei avventurata in allenamenti lunghi, estenuanti, qualche volta nuovi, un po’ al limite, ma adesso lo sai che quel limite non c’era e non c’è.

 Con l’allenamento hai scoperto che tutte le salite anche le più difficili si possono superare e che tutte le distanze si possono affrontare, oggi se il tempo ti aiuta gli ultimi 180, ma quello che mi interessa di più sono i km di corsa dopo, piano-piano, da fare tutti in previsione di domenica prossima per quei 20 km dopo la bici che chiuderanno tutto il difficile che potevi allenare.

 … e poi siamo anche di fretta, dobbiamo andare a Venezia a seguire i Ns compagni impegnati nell’I.M. Chellenge Venice!!

 In bocca al lupo ragazzi…

Dai Ele, 20 giorni al TUO I.M.!!!

.... è domenica sera: arrivati tutti, Michele Marini appena dopo le 10 ore, Stefano Nardotto qualche minuto dopo e la Sabrina Peretto intorno alle 11 h e 30' : complimenti ragazzi!