ELEONORA, Y O U A R E A N I R O N M A N !

Vas, ma tu lo sapevi cosa avrei provato, che emozioni e che sensazioni ho ancora addosso? (penso di sì).  E' stato INCREDIBILE! Ho superato un sacco di limiti in tutti questi mesi di preparazione. Domenica, arrivata sotto il traguardo, mi sono resa conto di quello che ho fatto e che abbiamo fatto.

11h 54m 57s - 96ima su 273 donne arrivate al traguardo. Sono strafelice! Era il tempo che più o meno avevamo pensato, anche un po' al di sopra le mie aspettative perché non sapevo bene cosa sarebbe successo in mezza giornata di sport!!

Il tempo ad ogni modo è relativo, le sensazioni invece di averlo finito e la consapevolezza della preparazione di tutti questi mesi è impagabile!!!

GRAZIE non basta per quello che hai fatto per me, passato il traguardo il mio primo pensiero è stato quello di una grande felicità perché ho fatto la gara al mio ritmo, in sintonia testa e corpo, e questa è stata la soddisfazione più grande.

Non mi sono mai fermata, solo ai ristori in corsa per gli spugnaggi, acqua e coca-cola. Non è arrivata nessuna crisi!!! Al 30° km mi sentivo ancora guerriera e sfidavo la crisi ad arrivare! Ma tanto sapevo che non sarebbe arrivata perché avrebbe avuto paura di affrontarmi!

Sono stati 8 mesi di preparazione, mi sono accorta del tempo che passava perché nel blog ho foto in cui sono stra-vestita con di tutto e di più: guanti, sottoguanti in mtb... quanto freddo ho patito!!! il ghiaccio per strada e le giornate corte in cui dovevo concentrare gli allenamenti, le 'giornate dello sport' che sono state anche soprannominate anche in qualche altro modo dai miei compagni di squadra... eheheh... TUTTO, ma PROPRIO TUTTO E' SERVITO. Mi hai accompagnato all'Ironman nel migliore dei modi!!!

Adesso racconto un po' della gara, voglio condividerla con te VAS e con tutti quelli che mi hanno seguito, chi ci ha supportato, chi è venuto a vederla e farmi il tifo (ho avuto un supporting team da SBALLO!!!), chi ha vissuto con me tutti i giorni questa avventura accompagnandomi in molti allenamenti (grazie Davide <3), chi in qualsiasi modo si è fatto sentire con messaggi, auguri, incitamenti anche in altri campi di gara. SIETE STATI TUTTI FANTASTICI!!!

 

L'IRONMAN:

I giorni precedenti alla gara mi sono sentita tranquilla, emozionata sì, ma nessuna presa di panico allo stomaco o agitazione, non vedevo l'ora di farlo. La sera precedente ho dormito poco, ma non importa, avevo preparato tutte le mie cose, avevo pensato a tutto e sapevo già cosa avrei dovuto fare appena svegliata.

L'Ironman è iniziato già da venerdì sera, quando ho ritirato il pettorale e sono andata al pasta party all'irondome, un immenso spazio al coperto brulicante di futuri ironman finisher e famiglie, amici etc annessi. L'atmosfera era bellissima. Il sabato mattina ho seguito il briefing in inglese, stessa situazione della giornata precedente, ma invece che piatti di pasta e birra, tutti noi atleti eravamo catturati dall'attenzione dello speaker sul palco mentre spiegava i percorsi e la gara. Devo dire anche molto simpatico!! Ha saputo smorzare la tensione di tanti, di tutti direi...

Dopo il briefing sono andata a fare una nuotatina con la muta nel lago, volevo prendere un po' di confidenza prima della gara. Al lago c'erano un sacco di atleti che provavano, sono arrivata alla seconda boa gialla, circa 400mt in totale, ok mi sono detta, l'acqua e il lago sono freschi e puliti, mi sentivo a mio agio.

La giornata di sabato è stata caldissima!!! Si sudava a stare fermi... Verso le 14 mi sono avviata alla zona cambio per fare il bike check-in e per potere tornare al b&b e stare un po' riparata e all'ombra... L'entrata in zona cambio mi ha emozionato parecchio, all'ingresso di ogni atleta c'erano un gruppo di ragazzi/volontari che facevano la hola e applaudivano. Mi si è chiuso lo stomaco e non riuscivo a dire nemmeno 'thank you', ho sorriso loro.

Io e la Pippi (la mia bici) siamo entrate, la posizione in z.c. era buona, dritta in fondo e subito a sx, non potevo sbagliare. Posizionata la bici ho appeso anche le sacche con le scarpette e materiale per bici e corsa, ri-memorizzato la posizione e poi sono uscita.

La sera l'ho passata in compagnia a cena, con Vas, Virna, Delia, Andrea e Davide. Poi a letto subito, sveglie puntate alle 4.

Ecco arrivata al gran giorno. Colazione, bagno, zaino in spalla e via verso Klagenfurt. Vado prima in zona cambio a pompare le ruote della bici e a controllare che sia tutto a posto, metto anche una giacca antivento nella sacca bici, oggi il tempo è variabile e rischio temporali. Dopodiché vado alla partenza, mi infilo la muta in mezzo a tutti gli atleti, CHE FICO!! Siamo in tantissimi, l'energia si sente a pelle!!!

Partono i PRO, prima gli uomini e poi le donne, dopo 5m partiamo tutti noi con la partenza Rolling Start, cioè dal fischio iniziale entriamo in lago uno alla volta, siamo disposti in una lunga fila (un po' ammassata) secondo il tempo che pensiamo di completare la frazione di nuoto. Parto anche io FINALMENTE!!! DAVANTI A ME IL LAGO E LA GENTE CHE NUOTA, WOW!!! CHE SPETTACOLO e anche io oggi ne faccio parte!

Inizio la gara, tutto bene, tranne qualche ammassamento vicino alle boe... Siamo in tanti anche se è una partenza più fluida per il Rolling Start... Primo bastone di 1230 mt andato, giro a sx, 400mt controcorrente un po' più difficili, poi un altro bastone lungo con il sole dritto negli occhi... cacchio non vedo niente, nemmeno le boe.. Vedo solo gente a dx e sx e la corrente è sempre contraria. Allungo il percorso... me ne accorgo quando la barca indica me e il gruppo di persone che nuotano vicino di andare a sx... Urca... gli altri sono mooolto a sx... riprendo a nuotare nella giusta direzione, ok non importa, ora recupero... La parte finale del nuoto è 1km in un canale, all'entrata del canale l'acqua è fredda, ma ora posso spingere un pochino di più, qui è più facile nuotare.

Uscita dal nuoto mi sento bene, corro in z.c. come se fossi ad una gara di sprint... sono emozionata, una frazione è stata fatta.

Prendo la mia sacca con le scarpe bici e il casco, mi infilo la maglietta, i volontari dentro alle tende ci aiutano a infilare la muta nelle sacche, ci danno una mano in tutto, fantastici!!! La zona cambio è ancora piena di bici, che spettacolo vederle tutte lì in attesa di partire.

Parto con la bici, mi sento bene, le gambe girano, il primo giro da 90km va spedito; le salite, anche se corte, sono impegnative, ma mi sento bene e proseguo. Lungo il percorso ci sono un sacco di supporters, ci sono pure i miei che mi fanno un tifo stupendo!!! :) Al 90° km, giro di boa, anche qui trovo un sacco di tifo formato dalla mia squadra, mia sorella, Mauri e Davide. Ora si riprende per altri 90km.

Se i primi 90 li ho pensati come un'addizione, la seconda parte l'ho pensata come una sottrazione ai 180. Quindi ho pensato che me ne mancavano solo 70, poi solo 60, poi solo 50... 40... 30... dai Elle solo 30!!! Il secondo giro è stato un po' più duro perché ho trovato un po' di pioggia e temporale per circa 30m. La temperatura si era abbassata, ma non mi sono fermata, in salita non ho patito il freddo, ma in discesa sì.. Mi sentivo un po' intorpidita e anche stanca, mi è venuto pure sonno dalla stanchezza... Anche durante gli allenamenti sapevo che tra il 110 e il 140km ci sarebbe stato il tratto più ostico per me, ma ho continuato a pedalare, un po' più agile, non mi interessavano le persone che continuavano a sorpassarmi, perche dopo la bici mi aspettava una maratona e io volevo continuare a stare bene e ad avere un ritmo regolare il più possibile. Arrivata a Sant'Egidio, ecco che mi preparo con tutta la carica per fare le ultime due salite impegnative, 'Eh no... qui non mollo!!' Vado su, pian piano, ma non mollo. Dopodiché ancora qualche salitina e poi in discesa fino al rientro in z.c.

Ora posso pensare alla maratona: 'DAI Elle, manca solo la maratona, prenditi il tempo che ti serve, l'obiettivo è arrivare alla fine.'

Che felicità!!! ma che fatica anche... i primi 10km sono i più duri... sono abituata ai cambi, ma un po' di adattamento ci vuole... dal 10°km sparisce questa sensazione (forse il mio corpo era ancora seduto sulla bicicletta... eheheh), continuo a correre, non mi fermo mai, solo ai ristori per spugnaggi, acqua e coca cola. Mentre corro ho ben impresse le sensazioni belle della mia prima maratona a Cividale, e come in quella giornata affronto l'ultima frazione spezzandola in piccole frazioni da 5km. Fatti i 5, penso ai 10, poi ai 15.... al 25° un po' di male alle ginocchia, dai Elle non c'è problema, mantieni il ritmo, non sento più il male, anzi in qualche momento mi viene da spingere di più, ma so che 42km sono tanti e ne mancano ancora alla fine...

Arrivo al 30°, la crisi non arriva e non arriverà perché sto bene e sono contenta di come sto andando. Vedo tutti, Fabio, Sara, Paolo, Elisa, Francesca, Vale, Massimo, Virna, Vas che urla e mi incita, manca poco. Dopo poco trovo Andrea, Delia, i miei genitori, mio fratello, mia sorella, Mauri e DAVIDE che mi dice 'dai che la prossima volta ci vedi all'arrivo! Che tuffo al cuore! è vero, non pensare di mollare proprio adesso!!! Li vedo tutti e sono tutti contenti perché sto portando anche loro al traguardo con me. Sono carica, affronto gli ultimi 10km, in direzione Klagenfurt, suono la campana nel centro città come consuetudine per tutti gli ironman pensando che di qui non dovrò più passare, ora si torna al parco e dritti all'arrivo.

Ultimi due km di gioia, ci sono, ultimi 200mt in cui non si sente niente, solo tanta felicità!!!

Appena arrivo, prendo fiato, le gambe sono stanche, mi siedo, ma non vedo l'ora di raggiungerli tutti!!!

Poi che dire... festaaaaa!!!!!!!!! foto, lacrime, abbracci, gioia, felicità!!! e molto altro... Da provare!!!

Il giorno seguente ho avuto le gambe un po' indolenzite, ma sono più stordita dall'emozione... oggi, martedì, ho decisamente recuperato e riesco a fare le scale. Dentro di me ho una carica e un bagaglio di sensazioni bellissime che non avrei mai potuto immaginare di provare.

Grazie, ancora grazie a tutti per aver partecipato al mio Ironman!

Ora vado a farmi la valigia che fra qualche ora vado in aeroporto, mi attende un altro viaggio di lavoro in China per 11gg... Certo che dopo un Ironman... E' TUTTA UN'ALTRA STORIA!!!!