PICCOLI DETTAGLI

image.jpg

Questa settimana, dopo la maratona, ho recuperato un po' di energie; ho fatto un massaggio per 'sciogliere' qualche contrattura, non ho corso ma ho riposato. Devo dire che oramai sono abituata a muovermi e non vorrei stare ferma, infatti giovedì sera non vedevo l'ora di rituffarmi in acqua e nuotare.

Le sensazioni positive della maratona mi hanno lasciato un po' di sicurezza ma soprattutto voglia di migliorare le mie lacune e gli aspetti del triathlon dove sono meno preparata in vista dell'Ironman di Klagenfurt.  Mancano 3 mesi circa e li vorrei dedicare alla bici, alla corsa dopo la bici e infine a quegli aspetti del triathlon che spesso vengono trascurati ma che sono molto importanti.

Ad esempio, già da questo mese, il sabato mattina, io e i miei compagni di squadra che stiamo preparando l'Ironman, nuotiamo sempre con la muta durante la prima parte dell'allenamento e impariamo anche a sfilarcela velocemente come se fossimo in gara. Poi sto trovando fondamentale mangiare abbastanza durante la bici e bere soprattutto, se penso che dopo 180km in sella devo fare una maratona, avrò bisogno anche di 'carburante' per far partire il motore...

Questi piccoli dettagli li scopro sulla mia pelle ogni volta che mi alleno, soprattutto quando faccio un sacco di fatica... E questo fine settimana è stato un bel test. Sabato, dopo l'allenamento di nuoto, ho fatto 80km di bici, mentre domenica sono riuscita a sforare la mia distanza più lunga con 143 km!!! Ero stanca, ma non stremata, dopo la bici ho corso per 10', le gambe giravano anche se lente.

I km iniziano ad essere tanti, 3.8 km di nuoto, 180km in sella alla bici e 42 km di corsa e devono stare tutti nelle mie gambe e nella testa, ma ogni tanto mi viene in mente quello che mi hai detto, che siamo 'infiniti' e quindi di spazio x tutti questi km ce n'e'.

VAS 

Mi sembra che lo spirito raccolto nel dopo maratona sia buono, NIENTE MALINCONIE E DEPRESSIONI, lo spirito giusto per continuare PER BENE nella preparazione dell’ironman …

Per la settimana prossima, a parte domani, lunedì, che te lo fai di “meritato riposo” martedì ricominci con la corsa, il “solito” un’ora ed un quarto rigenerante e poi il nuoto!

Giovedì ricominciamo con le ripetute lunghe, solito, ma importante riscaldamento e poi per tre volte i temila metri con un recupero di tre minuti, per finire prima dei quindici/venti minuti defatiganti sei volte cento metri veloci con recupero centro metri lenti.

Sabato alla fine dell’ora e mezza di nuoto almeno tre ore e mezza/quattro ore di tecnica di bici, divisi fra quaranta/quarantacinque minuti di riscaldamento, due ore circa di tecnica di bici con volate, ripetute in salita ed in piano, mini cronometro, volate in discesa, ecc… quello che conosci … e come sempre importante il rilassamento finale; domenica lungo da 120 chilometri di bici più otto/nove chilometri di corsa dopo la bici: eccoti ACCONTENTATA!

È importante dividere sempre l’allenamento in tre parti, riscaldamento, lavoro e rilassamento perché è importante distinguere sempre l’allenamento dalla gara, il lavoro di PREPARAZIONE DALLA PRESTAZIONE, la nostra mente, il nostro fisico, noi stessi molte volte abbiamo bisogno di ricordare/MEMORIZZARE che siamo in gara e molte volte abbiamo bisogno di ricordare/MEMORIZZARE che siamo in allenamento.

Ti aspettano tre settimane importanti di allenamento e lavoro, nel mezzo ci sarà il Medio Del Lido Di Volano, sarà una gara di allenamento!!

Ci arriverai stanca perché anche la prossima settimana sarà di duro allenamento, MA te lo anticipo già ora, al Medio Del Lido Di Volano aggiungeremo una ulteriore variabile: partirai ULTIMA, ti lascerai scorrereintorno tutte le partecipanti alla gara e quando L’ULTIMA RAGAZZA avrà cominciato a nuotare di lancerai  all'inseguimento di tutte, sarà una rimonta complicata e difficile, ma arriverai a correre la mezza con la STANCHEZZA FISICA E MENTALE SIMILE A QUELLA CHE SCOPRIRAI IL GIORNO DELL’IRONMAN, la tua rimonta sarà solitaria ed importante perché ti permetterà di affrontare la gara da un punto di vista diverso ed utile per ricreare e SUPERARE una nuova difficoltà. 

Già da sola la parola ULTIMA/ULTIMO per qualcuno può creare problemi, ma PER TE ADESSO questo non succederà, hai conquistato sul campo le energie per superare anche questa prova!

Dai Ele!