… ma Vas, faccio gare prima di maggio, prima della Spagna?

Campionati Italiani Riccione 2015_4.JPG

… ma Vas, faccio gare prima di maggio, prima della Spagna?

Quest’anno è un po’ diverso, sinceramente non ho voglia di fare tante gare, sto pensando a Nizza, al C.I. a Iseo, al 70.3 a Mallorca che non manca poi così tanto… !!! Il resto sarà un po’ da contorno, sto cercando di scegliere le gare che mi potranno servire IN PREPARAZIONE DI… alcune volte mi vedo ‘rompere’ il ghiaccio direttamente al triathlon medio a Mallorca, altre volte penso che qualche gara dovrò farla prima anche solo per capire come sono messa e per riprendere confidenza con l’atmosfera………………….

Si certo, le gare sono importanti quanto l’allenamento, allenarsi solamente senza prevedere qualche gara di verifica prima della prova che si è programmato ESSERE LA PIÙ’ IMPORTANTE è una preparazione incompleta, le gare sono sempre utili SIA che vadano male, SIA che vadano bene, anzi io considero che un grande atleta è nel suo momento migliore quando  riesce prima della gara a decidere, a mente fredda, qualche giorno prima, se la gara che farà nel fine settimana la farà bene o la farà male, la farà veloce o la farà lenta, quando non ci sarà niente, ma proprio niente (compagni, avversari, percorso, freddo, pioggia, caldo, ecc.) che lo condizionerà in quella scelta fatta.

La gara ti permette di scoprire situazioni, circostanze, momenti che in allenamento è impossibile ricreare per quanto l’esperienza TU pensi ti abbia già fatto sfidare di tutto e tutti, per quanto il tuo allenatore ti racconti di situazioni vissute e affrontate che possano essere utili per scrivere un manuale di gara e ancora qualcosa ci sarebbe da aggiungere …

La gara ti prepara alla sua “PREPARAZIONE”, al giorno prima fatto di “… cosa mi metto domani, … cosa mi porto in borsa e non dimentico niente, … a che ora parto, … a che ora metto la sveglia, … cosa mangio stasera, … a che ora vado a letto, …. speriamo che non piova che non ho mai corso in gruppo con il bagnato …

La gara ti prepara al giorno della gara che è fatto di “.... arrivo tre ore prima o bastano due ore, … devo provare i percorsi, …. mi riscaldo che quando parto a freddo con gli altri intorno non capisco più niente, … sarà meglio partire forte e no?

La gara ti prepara alla gara, a quei momenti prima della partenza che non ti sembra MAI di essere pronto, .. a tutti quelli che ti stanno vicino che non li sopporti, all’acqua salata in gola, agli occhialini appannati, alle boe che sono sempre piccole e non si vedono mai, mai!

Tutti piccoli particolari se vuoi, ma tutti estremamente importanti perché la TUA gara è importante, perché sono giorni e mesi che ci pensi, la gara ti prepara ad affrontare piccole paure che NOI ATLETI riusciamo sempre ad ingigantire e fortunatamente poi dimenticare e abbandonare quando si parte!

I MOMENTI DELLA GARA NON SONO SOLO SEMPLICI AZIONI, MA GRANDI E PERSONALI SENSAZIONI!